giovedì 6 luglio 2017

DODDORI EST MORTU; BIVAT DODDORI!


de Francu Pilloni

Se per Philip Sheridan “un indiano buono è un indiano morto”, chi dirà per primo che “un indipendentista buono è un indipendentista morto”?
Avendone parlato anche la BBC, mi sento in dovere di mettere in italiano quanto ho scritto in sardo. 
In italiano, si capisce, con caratteri minimi.

Chini fut Doddori Meloni?
No ddu sciu. No isco.
Sciu chi immui est unu, s’unicu puru, chi s’est lassau morri po is ideas suas.

No hia a sciri comenti ddu paragonai a Gramsci, candu chi no m’hiat a toccai a poni impari Mussolini cun Gentiloni e Mattarella. No inci renesciu.

Dd’hia connotu in s’ierru 1980/81, assumancu aici mi parrit de regordai

In Selargius ddoi fuant duas sezionis sardistas: una de anzianus militantis, accapiaus a manus e a peis cun is meris de sa DC, insaras potentis comenti mai; s’atera de giovunus sardistas, cun ideas autonomistas e indipendentistas.

Po poni impari is duas sezionis, Carlu Sanna hiat nominau a mimi commissariu de s’unica sezioni. Fut in cussu tempus chi sa sezioni de Selargius, chi cumprendiat puru iscrittus de Quartu e Quartucciu, ancora no organizzaus in sezioni, fut diventada su puntu de attoppu de is giovunus sardistas de su circundariu. Circundariu mannu, datu chi Doddori Meloni beniat de Terraba e Oresti Pili, intre medas aturus, beniat de Cabuderra.
De tanti chistionai e de tanti progettai, mi regordu de sa polemica po sa continuidadi territoriali: hiaus criau unu manifestu in cincu linguas - sardu, inglesu, francesu, tedescu e italianu - cust’ultimu scrittu a piticu a piticu -: MA SU MARI DIVIDIT O PONIT IMPARI?
Ind’hiaus prenu totus is palus de sa luxi e cussus de sa tranvia de Ceraxu a Cabuderra, passendu po Casteddu.
Est seguru chi Doddori e Oresti fuant is prus ainnatis in s’idea de fai cosas po pesai burdellu, poita- creiant issus - vetti pesendu pruini sa chistioni indipendentista hiat a beni a pillu.
A unu certu puntu, alloddu una personi chi si fut presentada cun sa tessera de su FIS, Fronti Indipendentista Sardu, segund’issu forti de armas e de dinai, chi si fut formau in Libia e contàt dexinas e dexinas de iscrittus.
Chena mancu a pensai a su malu, dd’hia nau, pustis duas o tres bortas , chi essit lebertau su logu, si sighiat a proponi su FIS.
Hiaus scipiu pustis de is giornalis chi una squadra de indipendentistas hiant fattu una gherra simulada in is montis de Burcei, aundi Lussu (custu est su nomini de s’iscrittu a su FIS) fut s’unicu sordau simplici.
Bobbori e Oresti hant pappau presoni po custas cosas, mentris Lussu si fut ghettau latitanti – aici naràt su giornali – e sa polizia de mes’Europa non fut renescia a dd’agatai po ddu portai a processu. Sa beridadi est chi Lussu parrit chi siat stetia sa spia posta de sa polizia politica (DIGOS dda zerriànta) chi dd’hiat pagau e circau unu postu de traballu in Germania de aundi mandàt donnia mesi su dinai a sa familia, abarrada in Selargius.
Doddori e is aturus, duncas, funti stetius vittimas de sa passioni politica, de s’amori po sa Sardigna, de s’ingenuidadi e de is tramas de calincunu funzionariu chi asuba de is palas de issus hiat fattu carriera.
No biu, comenti calincunu hat fattu, a ddu paragonai a Emiliu Lussu chi, cun totu su ch’hiat turmentau, dd’hat acabbada in su lettu in domu sua, cun su tesserinu de senadori de sa Repubblica e cun totu su chi cumportat su ddu teni.
Doddori est stetiu un impulsivu, unu accrunotau, un’ingenuu paris paris a s’idea de sa Repubblica de Malu Entu.
De issu is paperis hant a nai ch’est mortu in presoni po evasioni fiscali.
Pensai chi calincunu hat propostu a indi bogai de presoni Riina, ma nemus ha tentu piedadi de Doddori, unu dilinquenti imbentau de sa Giustizia repubblicana.
E mentris, de su Papa a sighiri, in custas dìs in tantis prangint po unu pipiu inglesu mali nasciu e is telegiornalis no faint che segai is tranzilleris a donni’ ora de sa dì e de sa notti, nemus hat arziu sa boxi a memoria de Doddori in custa Repubblica chi cundennat sa genti po is bideas e no po is fattus.

Caru Doddori, comente unu Cristus noeddu has pagau po totus, ma mancu sa sufferenzia tua hat mellorau su mundu. 

Doddori è morto? Doddori vivrà!


Chi è stato Doddori Meloni?
Non lo so. Lo ignoro.
Posso dire solamente che, a oggi, è stato l’unico che si è lasciato morire per le sue idee.
No saprei come paragonarlo a Gramsci, perché poi mi toccherebbe mettere nello stesso mazzo Mussolini con Mattarella e Gentiloni. Non mi riesce.

Lo conobbi nell’inverno 1980/81, così mi pare di ricordare. A Selargius si erano formate due sezioni sardiste (naturalmente) contrapposte: una di anziani militanti, per altro piuttostoi in combutta con i padroni locali della DC, allora potentissimi in città; l’altra era dei giovani sardisti con rinnovate idee autonomistiche e indipendentistiche.
Per ovviare al problema e riunificare le sezioni cittadine, Carlo Sanna – segretario nazionale – mi nominò commissario della sezione unica, che allora comprendeva anche i militanti di Quartu, di Quartucciu e di Settimo che ancora non erano organizzati in sezioni autonome.
L’attività nella sezione di Selargius era in quel momento assai vivace, tanto che diventò punto d’incontro per i militanti di un circondario non ristretto, visto che Doddori Meloni veniva da Terralba e Oreste Pili da Capoterra.
Delle tante discussioni ricordo la polemica con lo Stato italiano a proposito della continuità territoriale: progettammo e stampammo un manifesto in 5 lingue - sardo, inglese, francese, tedesco e, per ultimo e scritto con caratteri minuscoli, anche in italiano: MA IL MARE CI UNISCE O CI DIVIDE?
Riempimmo tutti i pali della luce e del tram da Selargius a Capoterra, passando per Cagliari:nessuno poteva ignorarli.
Sicuramente Doddori e Oreste erano l’avanguardia ed erano convinti che c’era bisogno di sollevare un certo scalpore con le nostre iniziative, affinché la questione indipendentista venisse alla ribalta.
A un certo punto si presentò in sezione un tipo che ci mostrò una logora tessera del FIS, il Fronte Indipendentista Sardo, a suo dire ben provvisto di armi e di soldi, formatosi in Libia e forte di decine e decine di militanti.
Dopo due o tre volte che si presentò col solito rituale, senza pensare neppure al male peggiore, invitai quell’individua a liberare la sedia che gli avevamo porto.
Sapemmo in seguito da giornali informatissimi sulle indagini giudiziarie che una squadra di indipendentisti sardi si era esercitata in manovre paramilitari sulle montagne di Burcei: la stampa riferiva che c’erano generali e colonnelli, ma un unico soldato semplice, quel Lussu che ci aveva mostrato la tessera del FIS.
A causa di questa cosa che pare ridicola, ma Doddori e Oreste hanno mangiato il pane della prigione per anni, mentre Lussu – riferivano i giornali locali – si fece uccel di bosco, con la polizia di mezza Europa che lo cercava per portarlo in tribunale.
Sembrerebbe che la verità sia stata diversa e Lussu, in quanto infiltrato della polizia politica, fu pagato anche con un posto di lavoro sicuro in Germania, da cui mensilmente mandava i soldi ai famigliari rimasti a Selargius.
Doddori e gli altri, in fin dei conti, sono rimasti vittime della loro passione politica, del loro grande amore per la Sardegna, della loro stessa estrema ingenuità e delle trame furbe di qualche sconosciuto funzionario di polizia che ci avrà costruito una brillante carriera sulle spalle degli sprovveduti e folcloristici belligeranti contro l’integrità nazionale.

Onestamente mi è difficile pure paragonare Doddori a Emilio Lussu il quale, pur con tutti i suoi tormenti, è morto nel suo letto col tesserino di senatore in tasca e con tutto ciò che l’averlo comporta.
Doddori è stato un impulsivo, un amante del rischio, un perfetto ingenuo che, solamente lui, poteva partorire l’dea della Repubblica de Malu ‘Entu.
Di lui però le carte processuali attesteranno senza ma e senza se che Doddori morì in prigione per evasione fiscale.

Si pensi che qualcuno ha proposto di tirar Riina fuori di prigione per motivi di salute, ma nessuno ha mostrato pietà per Doddori, un delinquente inventato dalla Giustizia repubblicana.
E mentre, dal Papa a seguire, in questi giorni sono molti che piangono per un bambino nato male, con i telegiornali che ci rompono is tranzilleris a ogni ora del giorno e della notte, nessuno, e ribadisco nessuno dei tanti che cinguettano su tutto, ha fatto sentire la sua voce a favore di Doddori, in questo circolo mediatico che si riempie la bocca di libertà costituzionali, ma sorvola sul fatto che un uomo venga condannato per le sue idee politiche.


Caro Doddori, come un Cristo novello, hai pagato per tutti, ma neppure la tua sofferenza ha migliorato il mondo.

30 commenti:

  1. Grande Francu,mi fa piacere che in questo silenzio mediatico voluto,parli di chi non ha ceduto allo straniero.Ho conosciuto doddori durante le manifestazioni cagliaritane contro chi ci vuole morti e servi a casa nostra.Non ho parole per l'ennesima violenza perpetrata dallo stato,violenza che accompagna ogni protesta,anche la più pacifica,contro chi dovrebbe tutelarci.Assordante il silenzio della regione,complice silente del potere occulto,che come sempre è forte con I deboli e debole con I forti e ti lascia morire perchè sei scomodo.Avrei voluto scrivere in Sardo ma non ne ho la capacità ed a stento ho capito il tuo scritto,ma ti ringrazio per la sensibilità.Salüi

    RispondiElimina
  2. Sono contenta signor Francu che ,anche lei,ha scritto un articolo su Doddori.Avevo già letto sul"Fatto Quotidiano"(l'unico giornale continentale che ne ha parlato) che questo signore stava facendo lo sciopero della fame ed ieri ho letto della sua morte.La cosa che mi ha sconvolto di più sono stati i vari commenti di così detti sardi che denigravano questa persona sia quando faceva lo sciopero della fame sia nel momento in cui è morto.Dov'è finita la solidarietà sarda?Gravissimo è anche che si parlasse di dare i domiciliari a Riina e niente a Doddori.La regione ed i magistrati sardi sono ancora più commendevoli.Per tutti questi motivi la ringrazio ancora del suo articolo.

    RispondiElimina
  3. In realtà ne ha parlato perfino la BBC! http://www.bbc.com/news/world-europe-40504884

    RispondiElimina
  4. Su La Stampa di oggi 6 luglio a pag. 15.

    RispondiElimina
  5. .. si la BBC, è proprio da li che lo saputo nel mezzo della notte,
    con la differenza che: mentre i quotidiani isolani parlano di lui come di un tale condannato per non aver pagato le tasse, la BBC invece ha precisato che lui le tasse non le voleva pagare da separatista obiettore ideologico e politico! una grande differenza
    .. Comunque, a che serve l´indipendenza se si permette a qualunque entita` ricca di capitali di comprare a piacere , come una volta con l aga khan , e ora stanno costruendo ( forse maffia in combutta col comune ??? ) nei territori agricoli e oliveti di Sassari distruggendo per sempre i preziosissimi Aquiferi di tutta la Nurra!!.. e nessuno protesta !!
    - Si sappia che ci sono territori e isolette autonome all interno dell EU dove non e` permesso (tramite leggi locali naturalmente)a gente non-locale ricca di soldi di accapparrarsi proprieta` alla faccia della popolazione locale usualmente povera di capitali! quindi i locali stessi sono in controllo delle loro stesse risorse che spesso hanno a che fare col turismo! ..
    -- Dico questo con la speranza che la Regione , le Provincie e i Comuni di tutta la Sardegna i mettano d accordo per promulgare leggi simili! .. spero anche la regione intervenga per fermare lo scempio delle zone agricole di Sassari , zone che dovrebbero considerarsi PATRIMONIO VITALE COMUNE di tutta l`isola quindi di tutti i sardi! tale distruzione,collegata agli AQUIFERI, bisogna Assolutamente Criminalizzarla in fretta e furia con apposite LEGGI !
    - un certo Dedola (quello con la casa piena di dizionarii esotici) ha chiarito con le sue ricerche l`antichita e la fama di quegli orti ( Tattari e Serramanna).
    - allo stesso tempo non avrei alcun dubbio che con un migliaio di "Doddores!" ben piazzati strategicamente, questi problemi sarebbero gia risolti e dimenticati !

    toreganu










    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanti ce ne siano Toreganu,ma ti posso garantire che sono in molti che lottano per il patrimonio SARDINNIA.......Ti posso garantire,perchè lo vivo sulla mia persona che non è facile difendere la sardità,specialmente nei piccoli paesi come il mio,dove sei un target e I tuoi diritti sono calpestati qutidianamente dalle forze del disordine nel pubblico e nel privato.Cerco di vivere nella legalità per non offrire il fianco al nemico perchè solo cosí possono fotterti sti cialtroni,ma ho un locale pubblico e fanno di me carne da macello.Ma iuscirò in maniera legale a difendere I miei diritti e quelli della mia terra,ostaggio di gentixedda protetta dalla legge,perchè connivente con loro.Restistenza passiva,la rivoluzione non russa........

      Elimina
  6. Signor Toreganu,il suo commento mi è piaciuto ma, sembra,un poco utopistico.I primi a non amare la Sardegna sono proprio i dirigenti della Sardegna altrimenti farebbero di tutto per valorizzare le nostre ricchezze.Concordo,in pieno, ci vorrebbero tanti e tanti "Doddores".Sono sempre più convinta che volere è potere,condito da amore ed entusiasmo.

    RispondiElimina
  7. gentilissima Grazia, salute a Lei, ...si utopistico, a meno che ... ecco , i Sardi in generale,(come tanti altri popoli del resto) sono anti-intellettuali e forse un po alieni alle intricatezze della politica, ma quando si tratta di distruzione di terre e acque, queste sono cose troppo tangibili per essere permesse e da li ne puo risultare una pressione verso i dirigenti. Ora , anche i politici sono anti-intelletuali e con loro bisogna usare la lingua giusta, quella internazionale non dell`esperanto, ma una lingua molto piu conosciuta, quella del .. "dinero" ossia del "dineranto". Si, i politici parlano le lingue che sanno , ma "pensano" in .. "dineranto"!..una lingua semplice con pochi vocaboli ma molte cifre ! del resto, tutto il mondo conosce il dineranto !
    - Mi spiego:
    negli ultimi anni ci sono state strepitose scoperte sulla Sardegna , alcune ben note , altre no, scoperte sufficenti a causare un "tsunami" di: turisti, turisti-culturali e turisti-pellegrini da tutto il mondo! l`interesse c`è,in europa , asia e america, lo so perche` nei miei lunghi soggiorni all estero incontro gente di tutti i tipi..
    come quel Bramino alla stazione di Udaipur in Rajastan qualche anno fa,che voleva visitare la Sardegna appena gli rivelai dei "segreti" che riguardano l`India e la Sardegna ! ( solo in india c e una classe media di potenziali turisti di circa 500 milioni!).. ma ci sono "segreti" che riguardano anche altri parti dell Asia, America etc!.. si sappia: c`e tanto nel mondo che ci riguarda! e altrettanto in sardegna che dovrebbe riguardare ad altre parti del mondo!
    (questa volta la mia "utopia" ha raggiunto nuove vette eh ?!)

    toreganu

    RispondiElimina
  8. Signor toreganu,riguardo al il "dineranto" ha pienamente ragione ma per quanto riguarda le nostre ricchezze,sopratutto archeologiche,non mi sembra che i nostri politicanti abbiano un gran rispetto e sopratutto voglia di valorizzarle,proprio per incentivare il turismo.Forse vado fuori tema,come mi capita spesso,ma vorrei farle notare come c'è stato sempre poco rispetto da parte delle persone competenti di valorizzare,per esempio,le piccole case che costruivano i nostri antenati,no invece si è sempre teso a distruggerle,perlomeno a Nuoro.Anche la ristrutturazione di queste costruzioni avrebbe fatto parte della nostra storia.Ad ogni modo in questo mondo dove ha valore solo il denaro,il termine "utopia"è una bella parola,non le sembra?

    RispondiElimina
  9. Bravo Francu, hai giustamente reso onore a questo eroe, che con quest’ultima mossa (lo sciopero della fame e della sete) è riuscito veramente a farsi prendere sul serio, dopo le sue numerose imprese che ci facevano sorridere, non certo per l’obiettivo finale (l’indipendenza della Sardegna) quanto per le fasi intermedie (la repubblica di Maluentu).
    Le attenzioni per Riina e l’indifferenza o peggio l’ostilità per Doddore fanno davvero pensare. Giudici, Giustizia, burocrati e forze dell’ordine dimostrano ancora una volta come sono FORTI CON I DEBOLI e deboli con i forti. Quali motivi potessero giustificare lo stato di arresto per un uomo sicuramente innocuo come Doddore, viene difficile immaginare. Andrea Pubusa nel suo blog si esprime così: “Doddore, come don Chisciotte, è l’ultimo cavaliere che s’inventa un mondo che non c’è, un visionario che lo vuole trasformare e informare a nobili ideali. Solo che mentre con l’hidalgo del romanzo, per sopprimere la sua follia visionaria hanno fatto fuori i suoi libri, fonte delle sue fantasie, qui è stato fatto fuori lui stesso, Doddore”.
    Però ho letto con particolare interesse la parte centrale del tuo articolo, dove scavi nei ricordi di gioventù e descrivi un periodo in cui il Sardismo, quello appunto con la “S” maiuscola, si diffondeva soprattutto fra i giovani. Anch’io mi sono rivisto fra questi, e ricordo quanto ci piacesse sognare un impegno anche estremo per realizzare il grande obiettivo. Facile per i srvizi segreti innescare qualcosa che bloccasse sul nascere qualunque iniziativa fuori dai canoni. Non sarebbe male qualche volta farne un sintetico resoconto anche in questo blog, se come sembra tu hai avuto modo di conoscere abbastanza bene i fatti.
    Nel frattempo però il tempo scorre e la Sardegna, la sua lingua e la sua cultura vanno sparendo sempre di più. Ci rimane il turismo, anche quello una dannatissima arma a doppio taglio, perché non si sa se sia meglio tenerlo sotto controllo, quindi limitato evitando così gravi effetti collaterali, oppure lasciarlo correre a briglia sciolta o svilupparlo al massimo, col rischio di venirne fagocitati come dei poveri imbecilli autolesionisti.
    Non s’ischit no, ite at a esser su ‘e fagher!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,signor Podda,onore al signor Francu che ha detto la verità su Doddore.Come sempre i giudici sono forti con i deboli e servi con i forti,quindi deponiamo ogni speranza anzi,finchè si può, bisogna continuare a lottare.Sul turismo,non si dovrebbe permettere,per la fame di denaro,di distruggere i nostri luogo bellissimi.A questo proposito penso,con dispiacere,a certe spiagge ridotte come Rimini.Continuiamo a farci del male.

      Elimina
  10. In fb, Montepramanews ha ripreso il mio articolo e mi sono permesso di commentarlo anch'io dicendo questo:

    -Doddori Meloni ha scelto, con estrema lucidità e determinazione, di morire in prigione perché ha intuito che era l'unico modo per mettere in mora (fregare in linguaggio spiccio) quello Stato italiano che gli è stato continuamente e pervicacemente ostile;

    - in questo modo le sue idee e le sue vicende hanno conquistato le luci della ribalta mondiale e lui stesso il rispetto di molti;

    - nello stesso momento, nelle mani dello Stato è rimasto un cadavere eccellente da gestire, con i consueti riti delle autopsie pro forma e le pratiche antiche di scaricabarile delle colpe da parte di quelli che avevano il potere e dovere per fare, ma non hanno fatto nulla per salvare la vita di un combattente, ormai ridotto a un povero cristo.

    Insomma, la Giustizia pensava di avere tra le mani un evasore fiscale e si è ritrovata con un martire sulla coscienza.
    Sempre che la Giustizia abbia una coscienza, naturalmente, e l'inchiesta non appuri che Doddori è morto per il caldo mentre era rinchiuso al fresco.
    Questa battuta me l'ha certamente suggerita lui.

    RispondiElimina
  11. salve Thor, tu parli di veri e propri soprusi, potresti dare un idea di che tipo di soprusi siu tratta ?
    toreganu

    RispondiElimina
  12. Scusa toreganu a quali soprusi alludi?Quelli che subisco io? Sono un po stanco,scusami.......

    RispondiElimina
  13. Mi è partito il colpo...Se si Fammi sapere,te li narrerò,salüi

    RispondiElimina
  14. Gentile Thor, anch'io come toreganu mi sono chiesto a quali soprusi tu possa essere andato incontro, quando dici che "i tuoi diritti sono calpestati qutidianamente dalle forze del disordine nel pubblico e nel privato" e ancora "Cerco di vivere nella legalità per non offrire il fianco al nemico perchè solo cosí possono fotterti". La curiosità mi spinge a chiedere, ma anche la convinzione che quelli che subiscono torti, intimidazioni, angherie di vario genere dalle forze dell'ordine, dalle amministrazioni ed enti, dalla stessa giustizia non siano pochi, e ciascuno di noi sempre più è costretto a subire. Spesso una quisquilia ti porta delle conseguenze pesanti perchè la legge, se applicata, lo prevede. E qualcuno si serve di questa possibilità per infierire sui poveri cristi come noi.

    RispondiElimina
  15. Non vorrei sembrare uno che soffre di vittimismo......cercherò di spiegare con true parole.Da sempre in prima linea nella difesa del territorio,ambiente,archeologia, definito un " rompiballe" per il mio operato sopravvivo con una piccola attività di ristorazione quindi dove mi devono attaccare?Mi hanno dimezzato I tavoli esterni in maniera arbitraria nonostante la legge mi consenta di tenerli ,continui controlli di nas,asl e vigili urbani mentre I locali di fianco al mio lavorano senza canna fumaria e occupano più degli spazi loro consentiti,volume della musica a 1000,servizi igenici non a norma. Da anni sporgo denunce ma nulla succede,il giro è quasi mafioso e siccome sono tutti coinvolti continuano a tormentarmi impedendomi di lavorare,nonostante abbia 4 persone impiegate.Ho una piccola baracca eredità dei miei nonni,continui controlli,mentre intorno a mè case a tre piani.Denunciato per aver alzato la casa di due metri da un carabiniere,nonostante ero in possesso di foto con me piccolo sul gradino che dimostra anno il contrario,ho dovuto portare avanti lo stesso il processo.Ora però ho iniziato a denunciare io,vigili,ricorso contro nas e usl e al prossimo controllo mI rifiuterò di subirlo se prima non vedrò quello degli altri,molti dei quali abusivi perchè amici degli amici.Troppo lungo continuare il discorso,perchè avrei mille storie da raccontate che sembrerebbero ridicole tanto è Vergognoso il sistema nel quale vivo.A questo vanno aggiunti una barcheca fronte locale dove metto tutti I dati dell'inquinamento del sulcis,partecipo alle manifestazioni contro le basi,fabbrica delle armi,gettiamo le basi sono Pacifico e pacifista e amo la Mia terra.qui vi mollo perchè devo andare a lavoro.Spero di non avervi annoiato ma crdetemi non è facile........saüi e a fora

    RispondiElimina
  16. Grazie Thor, hai detto grosso modo ciò che si era capito. Non sei il solo, come dicevo e qualche volta bisognerebbe parlarne bene.

    RispondiElimina
  17. Thor,.. ite arrori! .. pare ovvio che la Legge è dalla tua parte,
    - io raccomanderei di chiedere consiglio a diversi avvocati sul che fare , su come assicurare testimoni e raccogliere prove usabili per un eventuale prosecuzione su questo tipo di molestie che giuridicamente parlando, sono senz altro ben definiti con il termine appropriato .. e cosi poter trascinare questa gentaglia in corte con la certezza di vincere!
    nel frattempo è importante mantenere il sangue freddo ad oltranza e in ogni evenienza!
    -
    - toreganu

    RispondiElimina
  18. Non hai capito Toreganu,è una matassa difficile da sbrogliare,perchè il malaffare è proprio gestito dal braccio armato della legge.Nei piccoli regni,a gestione familiare se vivi o cerchi di vivere nella legalità sei un fuorilegge,se non fai parte del branco poi.....Comunque non mollo e spero di uscirne vittorioso,non per vendetta ma per giustizia,visto che non ho mai potuto esprimermi come vorrei.Il sangue è freddo quasi quanto quello di un rettile,oramai sono 35 anni che resisto......Grazie per l'aiuto

    RispondiElimina
  19. Signor Thor,ammiro la sua forza nel combattere tutti questi soprusi,fatti da gente indefinibile moralmente,p mi rendo conto che lei non abbia nessun appoggio,quindi ci vuole una bella energia per contrastare simili angherie.Ad ogni modo credo che quando si combatte per cose giuste ci vorrebbe un pò di solidarietà da parte dei suoi concittadini.Anche se serve a poco le invio tutta la mia solidarietà.

    RispondiElimina
  20. Thor, a parte il fatto che tu conosci la situazione attorno a te meglio di chiunque, ma sei sicuro che devi fare proprio la vittima o l eroe ?.. forse, dico forse, invece di caricarsi tutto il peso sulla schiena come un "sardignolo" classico, si puo fare cosi:
    se il braccio armato della legge locale è marcio ci si puo rivolgere da altre autorita piu in alto non locali beninteso, oppure da altri bracci della legge non-marci
    da altri parti della regione e allo stesso tempo si puo contattare il quotidiano a cui puo interessare tale storiella.
    - informo che queste cose accadono anche nei paesi cosidetti piu avanzati dell Europa:
    parecchi anni fa, in una piccola cittadina costiera, un tale che si autodefiniva "gente per bene", aveva cercato di impadronirsi di un mio piccolo mezzo motorizzato con la complicita degli amici poliziotti locali, io tra l altro, contattai anche un quotidiano che publicò! l accaduto,
    risultato: la casetta della polizia fu chiusa, demolita, ricostruita da un altra parte della cittadina con personale completamente nuovo!

    toreganu




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene toregano,conosco bene la situazione e credimi non voglio fare ne la vittima ne l'eroe,ne caricarmi il peso del mondo.Già parlare di queste cose mi imbarazza un po....da buon sardignolo aresti.Ho già presentato esposti alla procura ed ai carabinieri di carbonia.Si è mosso qualcosa ma non come dovrebbe.Il tutto è cosí chiaro e alla luce del sole che ci dovrebbero essere degli interventi immediati,ma essendo tutti coinvolti e quando dico tutti dico tutti.È più facile zittire il "personaggio scomodo"come mi definí un maresciallo dopo l'ennesimo controllo sul quale ebbi da ridire.Spero di trovare nel mio cammino qualcuno che si renda conto Di quello Che succede,perchè credimi non è una cosa da poco e qui muoio....Saluti a tutti

      Elimina
  21. Signor Toreganu,ammiro sinceramente la sua fiducia ed il suo ottimismo, ma ho tanta paura che abbia ragione il signor Thor;ad ogni modo sono convinta che non ci si deve mai arrendere però ci vuole anche tanta energia.

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  23. .. non ho alcun modo di valutare il grado di pericolo ma se ci son state state minacce
    si dovrebbero denunciare immediatamente e aggiungere la denuncia al resto della causa -
    nella mia "visione teoretica", comunque, Carbonia è TROPPO vicina e non puo essere che strettamente connessa, anzi, a carbonia ci sarà la madre delle filiali circostanti!
    - proprio qui dovrebbe entrare in ballo qualche quotidiano, uno qualunque, basta che sia simpatetico! . una volta che la vicenda è divulgata, la situatione si capovolge favorevolmente, e da positione debole poichè in minoranza contro una combriccola di spadroneggiatori vigliacchi, diventa una posizione molto piu forte di maggioranza insieme a tutto un publico di contribuenti come te che ora viene informato sui misfatti, un pubblico che si aspetta molto di piu da gente in uniforme + autorita locali!
    - basta permettere a qualche giornalista di fare le copie di tutt i documenti rilevanti, inclusa un eventuale denuncia per minacce!

    non c`è affatto bisogno che se ne parli dettagliatamente in questo blog,
    se le cose sono arrivate al punto dove non c`e niente da perdere, meglio parlarne con un "vero"giornalista, (sempre che esisti!)
    (comunque mi rendo che questa e soltanto una mia "visione toretica")
    toreganu

    RispondiElimina
  24. Lo so che sembra assurdo toreganu,purtroppo è la realtà.Premetto che tutto quello che dico è dimostrabile con foto,documenti e ordinanze varie,ma.......I giornalisti scrivono quello che vuole il regime e I controllori anche e se raccontere tutto nei dettagli non ci crederesti.Comunque grazie......

    RispondiElimina
  25. .. ma io non ho alcun dubbio sull alto grado di malvagità con cui hai a che fare;
    - con le copie dei documenti intendevo dire che a un giornale, (oppure un canale televisivo), quelle copie a loro servono per proteggersi le spalle da possibili accuse di diffamazione nel caso che si decidessero di pubblicare la tua storia
    ( purtroppo di cose malvagiamente assurde, anche peggiori, ne accadono nel mondo)
    toreganu

    RispondiElimina
  26. È un vero e proprio sistema,che decide chi deve aprire o chiudere un'attività,costruire o no,tagliare e molte concessioni sono falsi in atti Di ufficio dove tutti gli uffici sono coinvolti.Io sono fuori dal tunnel e quindi Target....Toreganu,non ti cruciare,vuol si colà.....................

    RispondiElimina