lunedì 9 novembre 2015

REGORDUS SCARESCIUS

de Francu Pilloni



S'annu passau, o cand'est chi fudi, heus fattu festa, chini nd'hat tentu gana, po is 150 annus de s'Unidadi de s'Italia.
Si seus scarescius de unu fattu importanti, chi menescit de essi regordau: a dì de hoi, su noi de Totisantus de 155 annus a hoi, Peppinu Garibaldi hiat pigau una navi a Napuli e fut partiu po torrai a domu sua a Sa Maddalena. 

Ma ita hiat fattu su Peppinu nazionali?
Nudda etotu: in ses mesi, de maiu a Santuaìni, hiat achistau su renniu borbonicu de s'Italia meridionali e dd'hiat donau a su rei de Sardigna, a su tempus Vittoriu Manueli segundu.
Duas dìs primu, a Teano, attoppat cun su rei e dd'intronat de custu renniu nou.
Pustis torrat a domu sua, comenti chi nudda essit accuntessiu.
Custu est un'esempiu passau de moda.
Mi seu permittiu, po s'occasioni, de contai sa storia in un'ottava ebbia:

A Garibaldi

De donnia libertadi paladinu
Peppinu Garibaldi su nizzardu
Noleggiat una spezi' 'e brigantinu
ca in conca giai nudriat s'azzardu
cun Milli volontarius in camminu
fait a su doppiu su Renniu Sardu.
Attoppat a Teanu e narat a su rei:
Là', tot'est po tui e nudda a mei!”.

33 commenti:

  1. Il passato ci insegna che ogni epoca è stata carattrizzata da qualcuno che, in virtù di particolari doti, è uscito dalla normalità (o dalla mediocrità) ed è assurto al ruolo di personaggio....nel male o nel bene e scusate se prima metto il male.
    Omnia munda mundis ovvero Garibaldi piaceva e piace ancora perchè era puro di cuore, perchè era libero e perchè ci metteva la faccia e quando serviva anche il resto, ma l'eco di quel tempo e delle sue battaglie si affievolisce dopo ogni generazione e l'oblio è inevitabile anche per un monumento come lui.

    RispondiElimina
  2. Ite bellu,appu cumpresu tottu.Col regno di Sardegna,non mi sembra proprio che i sardi ci abbiano guadagnato molto.Siamo e resteremo asserviti al Continente ,che, nella nostra terra, può fare quello che vuole:sperimentazione di fabriche che chiudono,dare i nostri terreni, per le basi militari, agli americani,ed altre sconcezze.Ed i sardi diventano sempre più poveri.In ultima analisi,siamo stati sempre usati e sfruttati,con l'accondiscendenza dei nostri politici locali .

    RispondiElimina
  3. Sballiendu hapu nau "po torrai a domu sua a Sa Maddalena". Scieus chi sa domu sua fudi, ma est ancora, a Caprera, chi no tenit unu logu adattu po approdai unu bastimentu. De Sa Maddalena a Caprera currint pagu chilometrus, hoi ddoi est sa strada e si podit fai a pei puru. In cussu tempus, incappat, serbiat sa barca.
    Chi Garibaldi essit "tutto d'un pezzo", po ddu nai in italianu, o "Comenti mi bis, mi pintas" custumaus a nai in sardu, est beru e no ddoi fuant is telegiornalis prontus a ddi fai propaganda po una cida.
    Candu, in su 1860, su Renniu Sardu hiat depiu ricumpensai Napoleoni III cun sa cittadi de Nizza e sa Savoia, po s'aggiudu in sa gherra de s'annu primu, Garibaldi, chi fut deputau, hiat fattu unu discursu contras a su guvernu po salvai Nizza de is Francesus. Sa votazioni hiat biu sa mozioni de Garibaldi perdenti e issu si fut dimittiu de su Parlamentu. E no po brulla, a sa Marino e aturus chi faint su bai-e-torra, datu chi, finzas candu s'indi pesant po fueddai in Parlamentu, sa cadira ddi abarrat attaccada a is nadias.

    RispondiElimina
  4. A cussos tempus s'omines erano omines mannos e no come in custu momentu storicu chi sono tottus "quaquaraquà" comente nariat Leonardo Sciascia.

    RispondiElimina
  5. Bah! E appoi Bah! E Bah torra puru!
    No isco itte as a kerrer narrere, Sumesumaurreddinu!
    Custas sunt cosas ki nos ant imparadu a iscola! E, (ma tue ja l'iskis mezus de mene!) su ki nos imparant a iscola, anzis, su ki s'Istadu qumandat de nos imparare a iscola no est sa veridade! Ma, solittante ke una de cussas "veridades" ki aggradant ass'Istadu! E, duncas, si semus de accordu, jeo, tue e tottucantos sos ki lezzent in custu Locu (ki, grassias a Deus, paret torrande a s’antica bellesa), sa veridade supra ‘e sos contos de Ziu Ppeppe, pro noll’aer cuada, deppet essere mala abberu! E, sicomente semus tottu fattos a mannos, donz’unu at postu manu a su ki b’est iscrittu in libros de pensadores abettuados a kircare unu cantu de veridade. E gai amus accattadu ki cussa no fit sa “spedizione dei mille”, ma est istada una gherra uve, sos Milli ant mortu zente meda! Zente innossente puru!
    E tue, a santu lu keres fakere?
    mikkelj

    RispondiElimina
  6. Itte bellu sennore Mikkelj chi este torradu ad iscriere in custu blog! Posso lanciare una spada a favore del signor Francu,anche se si sa difendere da solo? Il signor Francu ha detto che Garibaldi è stato uomo vero perché di è dimesso dal Parlamento,cosa che non fanno i nostri politici,nonostante le nefandezze che fanno,per difenere una sua idea..

    RispondiElimina
  7. Aia, Mikkelj, Mikkelj! Imbeccendu seus!

    Duas o tre cosas ti nau, ddas contaus appustis:

    - Mi zerrias "mesumaurreddinu": no est beru, no est faulas. Deus m'hat a perdonai, ma deu seu mesu de donnia cosa: mesu tontu, mesu intelligenti, mesu sabiu e mesu maccu, mesu ... de totu. Hiat a essi una cosa bella ca mi permittit de ammasturai cun totus. In beridadi, no ammesturu giai cun nemus. e no ndi portu bantu, mancai no ndi suffra prus de tantu; (No ti lessis fuiri sa rima in sa serrada!)

    - in sa scola italiana s'hant imparau is beridadis chi hant boffiu, naras tui e no ses solitariu. Tenis arraxoni, comenti no? Ddu sciu chi meda de su chi hapu imparau, dd'hapu imparau in scola. Finzas su teorema de Pitagora, sa tabellina, sa geografia, ... aici comenti hapu insegnau po trint'annus a is pipius chi mi funti toccaus in sorti. Totus custas cosas, impari e cuntemporaneamenti a un'atera: ddis hapu raccumandau, e fattu biri comenti si podit fai, a fai affidamentu in sa conca, in s'intelligenza chi Deus ddis hat donau. De prus no podiat fai, poita, comente maistu, seu sempri stetiu un mesu maistu. Po no contrariai s'indula mia.

    - in gherra, e cantu tenis arraxoni, morrit chini morrit, mancai no tengiat nexi peruna. Est sa vida, sa gherra puru est vida, in cunseguenzia de su fattu chi s'omini fai sa gherra, no est pacificu po nudda, mancu in familia. Sa genti, nozentementi, morrit in gherra, morrit in mari, morrit in miniera, morrit in sa strada, morrit finzas in domu sue etotu, candu ndi dd'arruit sa crobetura a pizzus. Sa genti morrit candu est ancora bia, a motivu chi est bia. Tui has biu mai unu mortu chi si morrit? Ti fazzu custus arraxonamentus poita, a parti totu, regorda chi seu unu mesu strunzu.

    - cantu a Peppinu, si unu hat biu sa domu sua, a sa primu impressioni ddi parrit una domu de unu messaiu chi tirat ainnantis. Salvu chi si bit chi sciat liggi e scriri. Sa domu anca ha biviu fait a cumprendi cantu ddi fut familiari su lassai. De seguru no assimbillat a s'appartamentu de su cardinali Bertone. Una domu pitica, aundi no ammancàt s'essenziali. Custu puru est stetiu Garibaldi, chi no fut mesu comente a mimi, ma intreu intreu.

    Mikkelj, abberri sa ventana e spuda a foras. A su bentu!

    RispondiElimina
  8. Signor Francu,so perfettamente che dovrei farmi gli affari miei,ma ,anche se lo so,non riesco a farmeli.La sua risposta,che sono riuscita a capire,è stata,come al solito,meravigliosa e scritta in limba,ancora più significativa.Poichè il signor Mikkelj ha bisogno di essere stimolato,mi auguro che ritorni a scrivere con una maggiore frequenza.

    RispondiElimina
  9. Attraverso questo suo scritto,mi ha confermato che lei,signor Francu,è stato un maestro eccezionale.Se in Italia ci fossero più maestri,come lei,gli italiani sarebbero,sicuramente più maturi e consapevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sbaglia, signora Grazia. Non ostante la mole, io sono stato un solamente "maestrino".
      Ce ne sono di Gran Maestri in Italia!

      Elimina
    2. Scusi la mia testardaggine ma un maestro che stimola gli allievi a pensare col proprio cervello,e mi creda,non ce ne sono tanti,è un ottimo maestro. Lei è stato grande e lo è anche ora per la sua saggezza.

      Elimina
  10. Certo che Garibaldi, a pensarci bene (o finché si abbiano certe idee e non ce le si chiarisca) , rappresenta una bella croce, in particolare per noi sardi. Lui ha realizzato l’impresa dei Mille e regalato il meridione d’Italia ai Savoia facendo lo Stato unitario e ha eletto a sua residenza una parte periferica della Sardegna: potrebbe dirsi che ha compiuto un’annessione di Stati sovrani in favore di una monarchia ben salda nel proprio potere, che in seguito avrebbe perpetrato ulteriori crimini per consolidare questa annessione; come potrebbe dirsi che ha realizzato, invece, le aspirazioni dei patrioti italiani, minoranza libera almeno in larga parte da interessi personali che puntava a coinvolgere le grandi masse (similmente alle avanguardie rivoluzionarie) e che vedeva nella sponda offerta dai sovrani sabaudi la livrea indossata dal treno della storia per l’estensione all’Italia intera di quei principi, sì rivoluzionari, che già Napoleone aveva in parte esportato in un ibrido di liberazione e annessione a un ideale ecumene libertario internazionale (come i mazziniani, per esempio, potevano già vedere un’Italia plasmata sulla Giovine Italia nel seno di una Europa altrettanto plasmata sulla Giovine Europa). Perciò: Garibaldi criminale (di guerra) o già giustificato da Mao Tse-tung (“la rivoluzione non è un pranzo gi gala”)? E i sardi schierati con i patrioti italiani? Come stanno i nostri conti con loro? E Garibaldi come vedeva (da Caprera) la Sardegna: colonia d’Italia, potenziale Stato sovrano o regione italiana più o meno distinta/autonoma?

    RispondiElimina
  11. Poni altri punti di vista, a proposito del Peppino nazionale, che sono prettamente politici o, se vuoi, morali.
    Io mi sono limitato a parlare dell'indole dell'uomo, tutto d'un pezzo come pochi.
    Certo, in ogni momento e in ogni luogo, possiamo tifare per Golia o per Davide.
    Per esempio, chi ha mai detto che Golia era un gigante buono, incapace di uccidere, che si sarebbe limitato a dare uno scapaccione al giovane pastore errante nel Sinai (che è già Asia?), senza tirargli il collo come una gallina?
    Chi ha mai parlato della disperazione della moglie e della numerosa prole abbandonata agli sfregi del sorte?
    Riesce difficile costruire una medaglia con una faccia sola. Poi c'è anche chi legge l'orlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il cantore dei perdenti fosse ancora con noi, forse sarebbe incuriosito da questo aspetto che ci fai notare, caro Francu e avrebbe potuto scriverne pure una canzone.
      Viva Golia, viva De Andrè.

      Elimina
    2. Sandro, hai detto bene: De Andrè è ancora più grande di quello che viene visto e considerato. Oltre tutto è scomodo.
      Nel mio piccolo, molto piccolo, ho sempre parlato degli ultimi, dei perdenti, perché è nella loro psicologia che cerco riscontri di umanità.
      In chi vince, puoi trovare esaltazione, toni alti, spesso misti all'odore della birra o, se preferisci, dello champagne il quale pure, se ruttato, non rappresenta il top.
      Il mio ultimo libro (ah, se tu l'avessi letto!), che ho titolato SULLE TRACCE DI BARABBA, per anni ha avuto il titolo UN PERDENTE DI SUCCESSO. (Ma chi vorrà leggere la storia di un perdente?, mi fu fatto presente)
      Si dice che uno scrittore non faccia altro che parlare di sé, dei vari aspetti della propria personalità, di quelli venuti alla luce e di quelli rimasti in ombra. Forse, e mio malgrado, non sfuggo a questa regola, ma di me direi che scavo, cerco e rincorro l'umano che è in me.
      Resta da dire che il fattore umano è qualcosa di molto complesso: sarà per questo che non riesco a tirar fuori un ragno dal buco?
      Certo non riuscirei a campare scrivendo di saggi e di manuali da yankee, tipo DIECI REGOLE D'ORO PER ESSERE FELICI o, meglio ancora, 12 CONSIGLI GRATUITI PER AVERE SUCCESSO NELLA VITA. Che poi tanto gratuiti non sono, se paghi un prezzo, piccolo in dollari, grande come disillusione.
      A me, se fossi tentato da un guadagno, riuscirebbe forse di scrivere un opuscolo su DUE O TRE CONSIGLI PER AVERE SUCCESSO NELLA MORTE.
      Ora, se qualcuno crede di poterne fare a meno, si sbaglia di grosso suoi!
      Ecco perché da tanto si ripete che errare umanum est.
      In conclusione, caro Sandro, se non so fare la guerra, devo per forza iscrivermi all'album dei pacifisti?

      Elimina
    3. Bungiurnu Francu,cumm'annemmu?Per essere perdente oggi basta poco.....appoggiare un movimento pacifista ,per esempio o esprimere un pensiero che parla di decrescita e va contro i gruppi di potere.Nei paesi piccoli si respira molto quest'aria,microcosmi che riflettono il mondo.Non c'entra molto ma a teulada non c'è stato nessun atto viollento da parte dei manifestanti,c'erano anche pacifisti.A si biri

      Elimina
    4. Thor, ti capisco e sono solidale con te. L'estate scorsa a Sant'Antonio di Santadi c'ero anch'io, anche se non avevo bandiere e non ho fatto dichiarazioni (nessuno me ne ha neppure chiesto, tengo a precisare),
      Forse è difficile da vedere e da capire, ma esiste una sottile, ma sostanziale differenza tra l'essere pacifista e l'essere pacifico.
      Ricordi il beato Marco Pannella degli scioperi della fame?
      Spesso ero d'accordo con gli scopi che si prefiggeva, ma vivevo la violenza che dirigeva contro se stesso come una violenza psicologica contro di me.
      Poi si è sputo anche che c'era sciopero e sciopero. Ma questo è altro e ci porterebbe lontano.

      Elimina
    5. Non vorrei essere frainteso,ma non c'era nessuna allusione nel mio commento,ognuno è libero di partecipare nel sociale come meglio crede.Io vivo in una zona inquinatissima e lotto per il diritto alla salute che lo stato,complice di industrie inquinanti e esercitazioni non autorizzate mi nega e cerca con ogni mezzo di impedirmi di manifestare il mio dissenso.Salui a tütti

      Elimina
    6. Tranquillo, Thor!
      Qui ognuno ha la libertà di esprimere le sue idee e, se non fossero chiare la prima volta, ci ritorna.
      Pensi che io possa essere contrariato se qualcuno non la pensa esattamente come me?
      Avrei il broncio da mattina a sera. Invece, come vedi, ...

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Il buon francu o malu francu,alla francese,o francu bonu a sa Sarda,est unu bonu maistru in cantu si onara sa spinta po porri in mottu su ciorbeddu o xiorbeddu in capasa a argomentusu de attorisi storicusu portausu a sa attualidadi.In custu accostamentu est una Mannu Maistru!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antiogu,Antiogu!
      Seu unu Francu difficili de spendi. Comente una muneda frassa.
      Nemus mi bolit in busciacca poita nemus fait po perdi.
      Est beru puru chi no est facili a mi poni in busciacca, mannu comenti seu.

      Elimina
  14. Scusaimi!! Est unu Mannu maistru!!

    RispondiElimina
  15. ahahahahaha!!abettamu a ma rispundi a modu,ma non bolemu essi in sa mia senza de arrispettu!!Tantu de berritta!!Ps,appu apprezzau mera su libru chi m'asi mandau!!Bonusu cussu sizigorrusu de gesturi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh!!Un'atra borta appu sbagliau!!Gesicu!!

      Elimina
    2. E sa cosa prus bella est de fueddai in Sardu!!De qualsiasi zona de sardigna!!

      Elimina
  16. De Gesicu, Antiogu.
    De Gesturi, su piricoccu.

    RispondiElimina
  17. Francu narat:
    'Est beru puru chi no est facili a mi poni in busciacca, mannu comenti seu'. Busciaca? Mancu a ti ponni in barca de ottu metrus est facili meda!
    E un'atra cosa o Fra': su piricoccu de Gesturi est piricoccu piricoccu o est una cosa po ndi nai un'atera?
    Comenti si amigus de su Blog bint mi seu spassiendi 'facebookendi' ma su motivu esti chi de Garibaldi non mi ndi frigat nudda! Medas bortas apu pensau chi fessit toccau a conca! Chi su romanticismu cosa sua fessi sceti custu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E figuradì a m'indi bogai. De busciacca e de sa barca, bollu nai!
      Bellu miu, su piricoccu de Gesturi est famau in totu sa Marmilla e addeni puru. Est bellu a ddu biri, est bellu a ddu fragai, est nidu de croxu a ddu tocai. Pensa vetti a candu ti dd'incurzas a lavras!

      Elimina
  18. "Il fattore umano è qualcosa di molto complesso" Ecco questo è l'argomento che più mi affascina,perchè l'animo umano è una macchina estremamente complicata ed il signor Francu ha preso di Garibaldi(ora Gigi si incavola ancora di più)il suo lato migliore:la coerenza.Possibile che nessuno abbia colto, al volo ,ciò che voleva dire quest'uomo (Francu),apparentemente rude,ma con un animo molto,ma molto sensibile?Anche per questo motivo,continuo ad affermare che è stato uno straordinario maestro; da ogni allievo sapeva tirar fuori il meglio che aveva.Sarei stata contenta di poter scrivere in limba ma pro meme este un azzicu difficile.

    RispondiElimina
  19. Ma, non sciu ita bolis nai cun sa metafora piricoccu de Gesturi,non bollu ponni in discussioni sa bellesa e sa bontadi de custu frori,anzi fruttoriu,ma teni a menti chi in Casteddu e a Sant'Elia,in particolari, piriccoccu,comenti si iscriri in custa zona, est unu fruttoriu particolari femminili!! Poi ,ogni gustu est individuali!!

    RispondiElimina
  20. Antiogu, ses faendi su furbu!
    Primu naras chi no scis, pustis bogas ferramenta de coxina, comenti nant in Marmilla, candu un'omini bolit passai de is fueddus a is fattus cund una femina.
    Capito m hai?

    RispondiElimina
  21. ahahahahahahah!!!Capito ti ho!!

    RispondiElimina